Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for aprile 2007

E rieccomi dopo un bel po’…
Di cose ne sono capitate ma, non trattandosi di un diario, non mi sento in colpa se qualcuna la tengo per me….

Però alcune cose le voglio dire:
Prima cosa: Andre si è laureato e ne sono davvero felice! Ormai tutti seguivamo le sue (dis)avventure in laboratorio con trepidazione….ogni tanto un lieto fine ci vuole (meno lieto se ricordiamo che la sera della festa mi sono scordata il regalo..ehm…). In ogni caso: Bravo Andre!!!!!!!!!! Bevici sopra, mi raccomando…

Seconda cosa: il 13 c’è stato lo spettacolo dell’AC…quello fatto da noi, quello a cui abbiamo lavorato tanto…quello che se fosse andato male "aiuto non posso pensarci" ecc… E, alla fine, direi che è andato bene. Tanti hanno riso, alcuni si sono persino commossi e, speriamo, qualcuno ha riflettuto o, almeno, non è tornato a casa con la sensazione di aver buttato via una serata.
Io, lo ammetto, mi sono commossa. Ma non subito…dopo, in macchina, tornando a casa, pensando che, dopotutto, ne valeva la pena.
Grazie ancora a chi si è preso la briga di venirci a vedere, spero non ve ne siate pentiti troppo…Ci avete fatto un grande regalo.
E, per chi se l’è perso e non sa perdonarselo, il 1°maggio alle ore 15,00 lo replichiamo a Treviso. Se qualcuno volesse….dovrebbero esserci posti sul pulmino o in macchina.

E poi? Beh, sono ricominciate le lezioni ma non è che mi entusiasmino troppo per ora..

  • Scienze dell’antichità e informatica: ovvero: smacchinare con un computer che va a seconda di come tira il vento per tre ore allo scopo di trovare quante volte occorre "panem & circenses" in Giovenale (ah, per la cronaca…..c’è solo una volta…)
  • Storia della Storiografia: questo per ora è il mio preferito, non tanto per la prof platinata che sembra una Barbie (ma triste)…quanto per i filosofi che vengono allegramente al corso per accumulare i tanto agognati 5 cfu in storia romana. La mente speculativa ed eccelsa di questi grandi pensatori in erba conosce dei picchi di altissima levatura culturale tipo: 
    "Ma prof…lei dice che Polibio ha detto che questa battaglia a Siracusa c’è stata nel 164a.C…..cioè, e poi, non ha detto che Polibio scrive nel II a.C.???"
    "Sì, è corretto."
    "Ma, dico, come gli è saltato in mente a Polibio? Come faceva lui a sapere che nell’anno 0 sarebbe nato Cristo? Prevedeva il futuro???"
    "- – -"
  • Letteratura cristiana antica: due ore che sembrano non passare mai a leggere un trattato pesissimo sulla mistica simbologia del monte Sinai e del monte Sion…. lezione prestigiosissima tenuta dal gobbo di Notre Dame in persona.

Letture: Nel frattempo, dopo aver finito Baricco (e confermo il post precedente, anzi, rincaro la dose), ho letto un altro libro che avrei dovuto leggere alle superiori (Jack Frusciante è uscito dal gruppo). Dico alle superiori perchè, letto adesso, fa schifo.
Che caduta di stile dopo il giallo di Margaret Doody (Aristotele e il mistero della vita), quello si che lo consiglio a tutti!
Per risollevare il livello sono tornata a Erri de Luca (Non ora non qui)…breve breve (che io sono una pigra)…spero meglio degli altri due.
Ma tanto la parentesi di letture piacevoli finirà nonappena mi sarà arrivato un tomone pesissimo (720 pagg.) da Firenze sulla "storia economica dell’ipero romano" di tale studioso (defunto e decomposto) Rostovtzeff o Rostovcev o Rostozev o Ro’stocazzo….(forse l’ultima, non ricordo bene…).
Ecco: quello sì che mi abbasserà il livello…

Progetti per l’estate: esami (sigh), campi coi ragazzi (forse due, non si sa…), Friuli e, forse, Sicilia….

Read Full Post »

Pasqua….paura, eh?

Questa Pasqua è arrivata furtiva. E’ piombata così all’improvviso che verrebbe voglia di mangiarsi Panettone e Pandoro per farle dispetto (tanto più o meno il tempo a Natale era questo….e poi, a casa mia ne avanzano sempre).
Non mi sembra Pasqua (come del resto non mi sembrava Natale, qualche mese fa)…a dire il vero è un po’ che le feste non "mi sembrano" quando arrivano. E credo che sia un sentimento comune.
Ma d’altra parte non mi stupisce…una festa religiosa ha senso ed è sentita in quei paesi che di Dio e affini, ogni tanto, si interessano. Non credo che l’Italia sia tra questi, nonostante Ratzy & C.
Qui non si parla di Dio se non in veste cardinalizia…Non si parla di Valori condivisi se non per farne squallide propagande…non si parla di esempi cristiani se non per trarne qualche fiction patetica.
Il mio professore di religione delle medie (per quanto asfissiante e severo) ci aveva insegnato fino allo sfinimento una cosa importante: "la Chiesa siamo noi"….non Ratzy. Non Eminenz. O almeno…non solo loro. Non più di altri. Lui sì che la Pasqua la sentiva.

Cambiando argomento (sennò poi lo Zi dice che sono troppo pesa).
Sto leggendo un libro che mi dà un po’ i nervi…Marco ci teneva che lo leggessi perchè era uno dei suoi libri preferiti al liceo…ma a me Baricco…non so: mi innervosisce un po’. "Oceano Mare" è scritto come se l’autore inciampasse di continuo, Frase- pausa- frasetta- pausa ad effetto- mezza frase- a capo-pausa- a capo strano- parola- triplo a capo- ecc...
Sembra davvero una puntata di quella trasmissione di Lucarelli…"Buio. Mare. Tempesta. Una luce debole……Paura eh?".

 

Ma lo finirò, tra una cosa e l’altra.

Intanto auguri a tutti quelli che leggono…ma anche (via, sono buona) a chi ha meglio di fare che perdere tempo qui con me.

Read Full Post »