Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for gennaio 2012

uomini

Sento l’esigenza di scrivere banalità, ma guardandomi intorno mi sembrano quantomai opportune.

Cari uomini.

Dimenticate quanto letto su “For men” o appreso dalla tv, o letto nei cessi pubblici, o nei libri (per chi di voi li legge).

Ve lo dico io cosa vogliono le donne, onestamente.

Estetica. Le donne sono attratte da uomini carini.
Dove carino non significa avere la faccia marrone, la sciarpetta checca finto casual, il capello finto spettinato, il jeans seconda pelle e la t-shirt che metta in evidenza il petto pettuto.
Carino è: essere pulito, curato senza esagerare, in armonia con quello che indossi, spiritoso sui tuoi difetti. Evita gli eccessi: indipendentemente dal budget investito, non sempre l’originalità paga. Datti una regola: se per vestirti ci metti più tempo che per lavarti stai sbagliando qualcosa.
Smetti di imitare altri. E smetti di pubblicare a ciclo continuo tue foto in posa. E’ una cosa ridicola su cui ridiamo, ma non fa colpo.

Lavoro. Le donne vogliono entusiasmo.
Anni e anni di stereotipi sulla donna che cerca l’uomo ricco e affermato hanno un fondo di verità? Sì. Eccome. Ma chi non ha in programma di diventare un brillante imprenditore con la casa al mare non disperi. Abbiamo un’anima. E fondamentalmente cerchiamo un uomo che, prima ancora di affannarsi a garantire qualcosa, metta entusiasmo in ciò che fa.
Campi facendo qualche lavoretto sporadico? Sei un netturbino? L’importante per la tua donna è di sentirti felice…dunque se ti piace fallo col sorriso, senza imbarazzi idioti. Se non ti piace, buttati in qualcos’altro. Ci piacciono l’iniziativa, le idee e non sopportiamo capricci e perdite di tempo (ci siamo già noi per quelle). Dare economicamente una mano non ci turba, tranne poche di noi che è meglio perdere che trovare.

Conversazione. Le donne vogliono leggerezza.
Cerchi di sembrare profondo e ti perdi in dietrologie senza capo nè coda? Utilizzi solo l’emisfero destro del cervello per affrontare un argomento perchè il sinistro è impegnato a chiedersi se “l’argomento vabene – l’argomento era il migliore possibile – l’argomento le piacerà – faremo sesso perchè ho scelto questo argomento“? Notizia per te: non esiste un argomento sbagliato, ma c’è un modo sbagliato di parlare di qualsiasi argomento. Quel modo è il tuo. Pensa a cosa ti interessa e parla di quello con trasporto. L’emisfero che impieghi a rimuginare, usalo per ascoltare e ricordare quello che rispondiamo. Queste due ultime paroline sono un lasciapassare per le nostre grazie: appuntatele.
Altra piccola ma semplice regola: se l’oggetto della conversazione sei tu e i tuoi problemi, cura di fare un “cambio” ogni 60 minuti….o almeno ogni 48 ore a seconda della gravità. Se ti viene da stare zitto, taci serenamente.

Problemi. Le donne vogliono la squadra.
Tranquillo, le donne non vogliono lavorarsi una squadra di calcio, bensì lavorare in squadra con te. Il tuo problema, come il suo, si può mettere su un tavolo comune (esiste!) e pensare insieme a soluzioni opportune. Il problema in sè non ci spaventa nè ci allontana. Ci allontana l’immagine di un uomo polipo che vuole gestire tutto, non si stacca da nulla e se ti avvicini ti butta addosso inchiostro per confonderti. Calma. Non è oggi il giorno del giudizio. E il polpo è anche brutto da vedere.
Nota bene: discutere o litigare di tanto in tanto non causa morte e depressione. Riderci su è un’opzione saggia da prendere in considerazione prima di ripartire e guardare avanti.

Maturità. Le donne la vogliono on the road.
Non sperare di incantarci ragionando da uomo maturo se nella vita ti comporti da bambinone orsacchiottone. Non importa infilare per telefono un discorso sensato sul futuro, non importa individuare i difetti degli altri e parlarne con spocchia e senso di superiorità. Non importano le teorie e i massimi sistemi che sei in grado di costruire partendo da pochi rari episodi di vita. Puoi dirti maturo quando non abbandoni un progetto prima di averci seriamente provato. Quando il tempo passato a dolerti del problema è percentualmente inferiore al tempo che impieghi per risolverlo. Quando non è necessario rispondere male a tua mamma, siccome lei non avrà più nulla da rimproverarti. Quando l’opinione degli altri sarà solo l’opinione degli altri e non oggetto di turba mentale. Ecc ecc…lo sai da te. su.

Regali. Le donne vogliono la luna.
Se devi comprare qualcosa non strafare. Piuttosto guardati un po’ di puntate di Criminal Minds e impara a leggere i messaggi subliminali che non possiamo lanciare troppo esplicitamente per non mettervi in imbarazzo. Il regalo d’obbligo (natale compleanno bla bla bla) è meglio che sia indovinato. Il regalo extra (anche minuscolo) in un momento inaspettato ci fa sognare…ci basta poco per andare sulla luna. Se ti dimentichi amen: viva la spontaneità.

Galateo. Le donne non devono arrossire.
Se ti preoccupi di aprirmi la porta della macchina, spostarmi la sedia, pagarmi il cinema… ma poi mangi a bocca aperta o mi interrompi o ti dimentichi di chiedere la mia opinione o tratti male i miei amici, i tuoi sforzi per sembrare elegante sono destinati al fallimento.  La galanteria si riassume fondamentalmente in un concetto: disponibilità. Mentale, fisica…Renditi disponibile ogni volta che puoi. Il resto lascialo ai nuovi businessman con i problemi di personalità.

Read Full Post »